Lo stress può avere effetti negativi su tutto il nostro organismo.

La presenza mentale (la consapevolezza) risulta essere efficace rimedio

che agisce sulla causa, con pochissime (forse nessuna) controindicazioni.

La presenza mentale può essere ottenuta esercitando la mente

con le pratiche meditative insegnate dal principe Siddharta noto come il Buddha.

Da qualche decennio le scienze mediche, neurocognitive e psicologiche,

stanno scoprendo e dimostrando che queste pratiche possono essere valide per lenire

e per curare gli effetti dello stress e anche come coadiuvanti terapeutici nelle malattie mentali.


FonteApplicazioni cliniche dei protocolli mindfulness (dott. Cristiano Crescentini Università di Udine)
– Depressione Maggiore (Teasdale, Williams, Segal, 1995)
– Disturbi d’Ansia (GAD, Panico, Fobia Sociale) (Kabat-Zinn, 1992; Borkovec e Sharpless, 2004; Miller et al., 1995; Roemer & Orsillo, 2002)
– Disturbo da Stress Post-traumatico e Trauma (Follette et al., 2008; Foa et al. 2000)
– Disturbo Borderline di Personalità (Linehan, 1993)
– Disturbi Alimentari (Baer et al., 2007; Kristeller et al., 1999; Telch, Agras, & Linehan, 2001; Quillian-Wolever, 2008)
– Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività (Smalley et. al., 2007; Zilowska et al., 2008)
– Disturbo Ossessivo-Compulsivo (Schwartz,1997; Gorbis, 2004; Didonna, 2008)
– Abuso di Sostanze- Dipendenze (Marlatt et al., 2004, Breslin et al., 2002; Bien, 2008)
– Psicosi (Chadwick, 2005, Pinto, 2008)
– Terapia di coppia (Christensen et al., 2004; Jacobson et al., 2000)
– Dolore Cronico (Kabat-Zinn et al., 1982, 1986, 1987; Randolph et al., 1999)
– Cancro (Carlson et al., 2008; Speca et al., 2000)
– Fibromialgia (Kaplan et al., 1993; Goldemberg et al., 1994)
– Psoriasi (Kabat-Zinn et al., 1998)
– Riduzione dello Stress (Carceri, Ospedali, personale infermieristico, etc)

 

CONDIVIDI