“Chiudere i conti” prima…

“Chiudere i conti” è il titolo di un capitolo del libro “Chi muore? quando si muore” di Stephen Levine pubblicato da “Sensibili alle foglie“. . In questo libro non si parla di cibo e il capitolo che propongo è di dieci paginette. Credo siano utili per comprendere l’inefficacia di qualsiasi azione fatta per cambiare cattive abitudini, quando…

CONDIVIDI

Mangiare con o senza presenza mentale…

Per coltivare una saggia e salutare moderazione col cibo potremmo approfittare proprio di quando mangiamo. E’ questa una delle occasioni in cui abbiamo tutti i nostri sensi aperti. Allenando la capacità di essere intenzionalmente presenti a quello che accade BOCCONE DOPO BOCCONE, momento dopo momento potremmo consolidare progressivamente l’abitudine ad essere CONSAPEVOLI. … So che…

CONDIVIDI

Sono solo pensieri

«Fin dall’inizio giova ricordare a noi stessi, sempre, che la meditazione riguarda l’apertura e il rilassamento di fronte a tutto quel che ci si presenta, senza cercare e scegliere. Meditare non significa assolutamente reprimere alcunché, e neppure incoraggia ad afferrare qualcosa. Allen Ginsberg usa l’espressione surprise mind. Uno si siede e — wham! — gli…

CONDIVIDI

Abilità di lasciar andare, capacità di scoprire

«La realtà viene trasformata dall’osservazione: noi osserviamo infatti dalla base dei concetti accumulati. La fisica moderna se n’è accorta. Alcuni scienziati hanno abbandonato prontamente concetti che erano stati a lungo alla base della scienza, formulazioni come causa ed effetto; presente, passato e futuro. Abbandonare i concetti non è facile. C’è l’idea che esplorare la realtà…

CONDIVIDI

Meditazione Vipassana

Riporto il seguente scritto perchè è semplice e chiaro ed è parte di una lettera dell’insegnante di meditazione vipassana EDOARDO PARISI – www.vipassanaitalia.it. “Da un punto di vista psicologico, Vipassana è un processo di integrazione personale di tutte le parti di sé, quelle di cui ci compiacciamo e quelle che rifiutiamo, perché è un processo…

CONDIVIDI