Rilassare lo sforzo quando sia inutile

Una qualità molto importante che possiamo apprendere con la pratica della meditazione di consapevolezza è di rilassare lo sforzo con cui sosteniamo l’avversione per ciò che non ci piace soprattutto quando sia inevitabile.   Potremmo capire bene che quanto accade, il più delle volte, non sia sempre frutto di una nostra decisione. Invece molte volte pensiamo di esserne gli artefici e crediamo che accada proprio per noi o contro di noi. In realtà accadrebbe lo stesso per un’infinità di altre ragioni.

(Ispirato dagli insegnamenti del Buddha ma anche dalla tradizione Cristiana con Evagrio Pontico e chissà quanti altri grandi uomini e donne e quante altre tradizioni spirituali avranno sostenuto questo pensiero)

…………………………………………..

Se non vi è nulla che potete fare, affrontate quello che c’è e dite a voi stessi: “Bene, in questo momento le cose stanno così, posso accettarle o sentirmi infelice”. La causa primaria di infelicità sono i vostri pensieri sulla situazione, non è mai la situazione in sé. Siate consapevoli dei pensieri che avete. Separateli dalla situazione, che è sempre neutrale, che è sempre così come è. Vi è la situazione o il fatto e vi sono i miei pensieri a questo proposito. Invece di creare storie, state ai fatti. Per esempio “Sono rovinato” è una storia che vi limita e vi impedisce di intraprendere le azioni necessarie. “Mi sono rimasti cinquanta centesimi nel mio conto in banca” è un fatto. Guardare in faccia i fatti dà sempre potere. Siate consapevoli che quello che pensate crea in gran parte le emozioni che provate. Sentite la connessione fra i pensieri e le emozioni. E invece di essere i pensieri e le emozioni, siate la consapevolezza che vi è dietro.

Non cercate la felicità, se la cercate non la troverete perché cercare è l’antitesi della felicità. La felicità è sempre sfuggente, ma si può ottenere adesso la liberazione dall’infelicità, fronteggiando ciò che è invece di inventarvi delle storie. L’infelicità copre il vostro naturale stato di benessere e di pace interiore, la fonte della vera felicità.

Da: Eckhart Tolle, “Un nuovo mondo. Riconosci il vero senso della tua vita“, Mondadori, 2010.

Condividi