Categorie
Dalla scienza

Colesterolo alimentare, uova e salute cardiovascolare in maschi adulti

Lo studio pubblicato il 16 maggio 2019¹ su The American Journal of Clinical Nutrition, conclude che «né l’assunzione di uova né di colesterolo sono state associate al rischio di ictus, indipendentemente dal fenotipo apoE.» (apolipoproteina E: influisce  sul metabolismo del colesterolo e rendendo il colesterolo alimentare più influente sui livelli di colesterolo sierico)
Le persone studiate assumevano mediamente 1 uovo  e  520 mg al giorno di colesterolo.

Un precedente studio ² pubblicato sulla stessa rivista americana il 10 febbraio 2016, ha valutato l’associazione tra assunzione di uova e colesterolo con lo stato dell’intima-media carotidea e il rischio di malattia coronarica negli uomini.
In questo caso “l’assunzione media di uova era di 33 g / giorno (DS: 26 g / giorno; ~ 4 uova / settimana medie) e l’assunzione di colesterolo medio era di 398 mg / giorno (SD: 147 mg / die).”

Dico io:
quando mangiamo e non solo, proviamo a coltivare una saggia moderazione allenando costantemente la consapevolezza cioè l’intenzione di essere cognitivamente presenti a quello che accade in ogni momento.

Per quanto riguarda le uova, acquistiamole biologiche premiando quei produttori che, per legge se non per scelta etica, rispettino l’animale in quanto essere vivente e senziente.


Fonti:
1) The American Journal of Clinical Nutrition , 2019; DOI: 10.1093 / ajcn / nqz066
2) The American Journal of Clinical Nutrition , Volume 103, Numero 3, Marzo 2016, Pagine 895-901, https://doi.org/10.3945/ajcn.115.122317
CONDIVIDI
Categorie
Dalla scienza Nutrizione e salute

Effetti del consumo di uova sui lipidi del sangue: una revisione sistematica e meta-analisi di studi clinici randomizzati

Chi non ritiene immorale mangiare uova sappia che il lavoro richiamato nel titolo  e pubblicato online il 7/11/2017 sulla “Rivista Ufficiale dell’American College of Nutrition” (J Am Coll Nutr) ha ottenuto i seguenti risultati :

“Nessuna associazione è stata osservata tra il numero di uova consumate al giorno o la durata dello studio e uno qualsiasi dei marcatori lipidici sierici.”

Interpreto questa meta-analisi, senza timore di sbagliare troppo, sostenendo che due uova, due volte la settimana, per persone in buona salute che facciano regolare esercizio fisico e, magari…, si dedichino a una quotidiana pratica di introspezione per migliorare la qualità emotiva e per progredire nella chiarezza della visione della realtà, al fine di accoglierla per quello che è, non possano far male.


Fonte: J Am Coll Nutr. 2018 Jean;37(2): 99-110. doi: 10.1080/07315724.2017.1366878
CONDIVIDI